Musa

Apro gli occhi, stanco, mi volto e sono già le sei; guardo fuori dalla finestra, e ancora nuvole. Canto una canzone, ripensando a noi, intanto tuona il cielo e aumenta il traffico. Sento il tuo respiro, so che cosa vuoi, scorgo il tuo sorriso, penso ancora a come prenderti e poi andare via. Stringerti e poi sentirti mia.

E mentre aspetto che si accenda il computer vien da scrivere. Sono sereno se ci penso insieme ancora a ridere. Guardo il mondo e è bello, basta che ci sei; sento il tuo profumo, e finalmente ha smesso anche di piovere.

Perché tu forse non sai cosa sei tu per me: puro ossigeno che sbatte dentro me, mi dà la forza e ispira in noi. Perché tu forse non sai cosa sei tu per me: sei la mia musa, sei la mia musa, sei la mia musa, musa, musa, musica…

Pensandoti scherzare mi sembra di volare; cerco ogni momento dentro me, ti guardo e viene semplice scrivere rime, o versi, che parlin di noi, e descrivere ogni momento o istante che, passato insieme, mi ha portato a sentir vivere.

Perché tu forse non sai cosa sei tu per me: sei la mia musa, sei la mia musa, sei la mia musa, musa, musa, musica…

Fissavo le tue guance arrossire e poi; mi guardo attorno e colgo tutto ciò che poi parli di noi. Mi fermo ad osservare un po’, con te mi sento portar via. Forse fa male o forse no, sorrido e sei sempre più mia.

Perché tu forse non sai cosa sei tu per me: sei la mia musa, sei la mia musa, sei la musa, musa, musa, musica…

Annunci